Vai ai contenuti

la Santa Messa

preghiamo

VEGLIATE, PER ESSERE PRONTI AL SUO ARRIVO


CON la prima domenica di Avvento inizia per la Chiesa un nuovo anno che si apre nel segno della speranza perché il Figlio dell’Uomo – il Cristo glorioso – verrà. Non conosciamo i tempi e i modi di questo ritorno, ma non dubitiamo della promessa.
Nella celebrazione Eucaristica di questa prima domenica di avvento, presieduta dal nostro Vescovo Giuseppe Orlandoni, assistito da Don Paolo Campolucci, nostro padre spirituale e dal neo Diacono Giancarlo Girolimini, noi tutti appartenenti all’ASSOCIAZIONE “ Genitori testimoni di speranza “ in Senigallia,abbiamo costruito un segno che ci aiuti a camminare verso l'incontro con Gesù e che nello stesso tempo risvegli la nostra attenzione, La lanterna d'Avvento. Cristo, luce del mondo. La lanterna rischiara il cammino dell'attesa che ci porta alla luce: Cristo, infatti, è la luce vera del mondo. Egli viene a rischiarare la nostra vita. Venite, accorrete…
Su questi fondamenti, ogni mese, viene celebrata una messa in suffragio dei nostri figli in cielo;nella circostanza, il gruppo liturgico,adatta alle varie situazioni che la Liturgia propone, altri segni, con un impianto generale comune e specifiche particolarità per ogni celebrazione:commenti alle letture ed inserendo nelle preghiere dei fedeli, la lettura dei loro nomi.

"Se un tempo eravate tenebra,ora siete luce nel Signore.Comportatevi come figli della luce".Ef 5,8

Tutti accorrono verso la Luce. Anche noi, protesi a questa luce, pur camminando nel buio della nostra storia, guardiamo a lui e attendiamo e speriamo. Nell'incontro con lui, nel Natale e nei Sacramenti - dono di Cristo alla Chiesa -, saremo illuminati come in pieno giorno (Eb 6,4) e potremo così "vivere da figli della luce" (Ef 5,8). Una delle più belle preghiere che conosco dice: "Signore, fa' di me una lampada. Brucerò me stesso, ma darò luce agli altri"
Eudosio m.
Senigallia,01 dicembre 2007.-





Webmaster

Torna ai contenuti